Soluzioni pratiche per trasporti nautici

Avere una barca è il sogno di tanti. Sogno che, spesso, si accantona per diverse ragioni: tra tutte la manutenzione, sì, ma anche il suo trasporto. 

Chiunque sia in possesso di un’imbarcazione, di qualsiasi tipo, è consapevole di quanto sia elevato il costo di un trasporto nautico, dal molo fino al rimessaggio. I costi sono variabili, è vero, ma spesso molto alti, perché tengono in considerazione diversi fattori: le dimensioni dell’imbarcazione, la distanza da percorrere, eventuali operazioni di carico e scarico. 

Trasporti nautici: chiedere ai professionisti

Una ditta specializzata in trasporti nautici curerà sicuramente ogni passaggio dall’inizio alla fine, ma è importante sceglierla in base a un mix di competenze, professionalità e onestà. Perché se è vero che i costi sono elevati, è anche vero che potremmo incorrere in persone poco raccomandabili che magari hanno a cuore solo il loro guadagno e badano poco ai vostri bisogni. 

Per questa ragione, ricercare una ditta specializzata e professionale può essere complicato, ma non impossibile: l’importante, come sempre, è informarsi prima, così da andare quasi sul sicuro. 

Le ditte che si occupano di trasporti nautici sono abituate a lavorare con trasporti eccezionali e carichi di diverso peso, struttura e dimensione. È facile, quindi, immaginare che affidandosi a una ditta realmente specializzata in questo settore avremo sicuramente vantaggi superiori, nonché la possibilità di risparmiare notevolmente. 

Trasporti in Puglia: il meglio è Transpuglia

Se ti trovi in Puglia, e sei alla ricerca di una ditta specializzata in trasporti speciali, Transpuglia è certamente il posto giusto per te. Mettiti in contatto con loro al più presto e richiedi un preventivo senza impegno. 


trasporti eccezionali

Tutto quello che c’è da sapere sui trasporti eccezionali

La normativa sui trasporti eccezionali è regolata dall’articolo 10 del Codice della Strada. È importante conoscerla a fondo per potersi spostare da un punto a un altro in totale sicurezza e senza correre il rischio di incorrere in sanzioni di alcun tipo. 

trasporti eccezionali si riferiscono ai trasporti di tutti quei beni materiali che eccedono sia in termini di peso che in termini di dimensioni. Tale peso e tali dimensioni sono regolate, appunto, dal Codice della Strada. Rispettare le normative, in questi casi, è fondamentale, perché ci consente anche di viaggiare in sicurezza. E la sicurezza sulla strada importa più del rischio di ricevere una multa o una sanzione.  

Cos’è un trasporto eccezionale e come si distingue

Il codice della strada, nell’articolo 10 riguardante la normativa dei trasporti eccezionali, distingue tra veicoli eccezionali, ossia tutti quei veicoli che superano le misure standard stabilite all’interno degli articoli 61 e 62 del Codice della Strada e trasporto in condizioni eccezionali, nella fattispecie: 

  • carichi indivisibili il cui peso e le cui dimensioni eccedono gli standard stabiliti nel codice 61 e 61 del Codice della Strada;
  • carichi divisibili che sporgano più di 3/10 della lunghezza del veicolo;
  • trasporto di animali vivi, balle di paglia o erba essiccata, macchine operatrici e per l’agricoltura. 

Come si definisce, quindi, un trasporto eccezionale? Quando supera i seguenti limiti di peso e dimensione: 

  • 16.50 metri di lunghezza, se auto o trattore con rimorchio/semirimorchio; 
  • 18.75 metri di lunghezza, se camion composti da motrice con rimorchio; 
  • 2.55/2.60 metri di larghezza, nel caso di trasporti a temperatura controllata; 
  • 4 metri di altezza; 
  • 18/20 tonnellate di peso, nel caso di veicolo isolato a due assi; 
  • 20/24 tonnellate di peso, nel caso di convoglio articolati a 3, 5 o più assi. 

Trasporti eccezionali: le autorizzazioni necessarie

Per potersi muovere liberamente su strada, i trasporti eccezionali devono possedere le autorizzazioni necessarie. Nello specifico, si tratta di: 

  • autorizzazioni singole, rilasciate per un unico viaggio e della durata di un mese; 
  • autorizzazioni multiple, rilasciate per un numero definito di viaggi e della durata di 3 mesi; 
  • autorizzazioni periodiche, rilasciate per un numero indefinito di viaggi e della durata di 6 mesi (estendibile a un anno nel caso di trasporti eccezionali con carico sporgente di 4/10 rispetto alla lunghezza del veicolo).